Ragioneria generale e applicata II - Lezione (2007/2008)

Corso disattivato

Codice insegnamento
4S00413
Docente
Silvano Corbella
crediti
4
Settore disciplinare
SECS-P/07 - ECONOMIA AZIENDALE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
2° sem lez dal 18-feb-2008 al 24-mag-2008.

Per visualizzare la struttura dell'insegnamento a cui questo modulo appartiene, consultare * organizzazione dell'insegnamento

Orario lezioni

Obiettivi formativi

Il corso costituisce il proseguimento dell’insegnamento di Ragioneria Generale ed Applicata I impartito nel primo semestre. Al fine di portare a compimento il percorso formativo avviato in quella sede, il corso di Ragioneria Generale ed Applicata II affronta due tematiche fondamentali:
- la prima parte del corso mira a fornire una base di conoscenze utili per acquisire capacità di lettura, di interpretazione e di analisi del bilancio di esercizio di impresa individuale; l’obiettivo è quello di sviluppare la logica e le tecniche di interpretazione del bilancio di esercizio, per fare emergere il potenziale informativo di tale documento ai fini dell’apprezzamento delle condizioni di equilibrio dinamico della gestione;
- la seconda parte del corso sposta l’attenzione dal bilancio d’impresa individuale al bilancio di gruppo; l’obiettivo è quello di fornire le conoscenze di base relative al reddito e capitale di gruppo nonché alla tecnica di redazione del bilancio consolidato; l’analisi è sviluppata in una prospettiva economico-aziendale, tenendo peraltro conto delle disposizioni della normativa civilistica e delle prescrizioni dei principi contabili internazionali

Programma

Parte I
1. L’interpretazione del bilancio di esercizio
1.1. Il potenziale informativo del bilancio di esercizio – 1.2. La lettura e l’analisi del bilancio di esercizio – 1.3. Lo schema concettuale di interpretazione: liquidità, solidità, redditività e sviluppo.
2. L’analisi del bilancio di esercizio: gli schemi di riclassificazione
2.1. La riclassificazione dello stato patrimoniale – 2.2. La posizione finanziaria netta e le scelte di finanziamento – 2.3. La riclassificazione del conto economico – 2.4. Ebit ed Ebitda: determinazione e potenziale informativo.
3. Segue: il sistema degli indici di bilancio
3.1. Il sistema degli indici di bilancio e il relativo potenziale informativo – 3.2. Gli indici di liquidità – 3.3. Gli indici di solidità – 3.4. Gli indici di redditività – 3.5. Gli indici di sviluppo.
4. Segue: i flussi finanziari
4.1. Il rendiconto finanziario: oggetto e scopo – 4.2. Il rendiconto finanziario dei flussi di disponibilità monetarie nette.
5. L’apprezzamento dell’assetto economico–¬finanziario d’impresa
5.1. L’espressione del giudizio di liquidità, solidità, redditività e sviluppo – 5.2. La formulazione del giudizio di sintesi sull’assetto economico–finanziario d’impresa.

Parte II
6. Nozioni di base sul bilancio consolidato
6.1. Gruppi aziendali e bilancio consolidato – 6.2. Le teorie e i metodi di consolidamento. I metodi di integrazione globale, proporzionale e del patrimonio netto.
7. Normativa civilistica ed aspetti tecnici di consolidamento
7.1. Il bilancio consolidato nella legislazione italiana: soggetti obbligati e casi di esonero; esclusioni obbligatorie e facoltative; delimitazione dell'area di consolidamento – 7.2. I metodi di consolidamento; le differenze di consolidamento; il trattamento del residuo attivo e passivo – 7.3. Le rettifiche di consolidamento attinenti alle operazioni infragruppo.
8. Il bilancio consolidato nei principi contabili internazionali
8.1. La “centralità” dell’informativa economico–finanziaria di gruppo nella prospettiva dei principi contabili internazionali. – 8.2. Disciplina generale e aspetti tecnici di consolidamento.
9. L’apprezzamento dell’assetto economico–¬finanziario di gruppo
9.1. La leva azionaria – 9.2. La formulazione del giudizio di sintesi sull’assetto economico–finanziario di gruppo.


Libri di testo
G. BRUNETTI, S. CORBELLA, L’interpretazione e l’analisi di bilancio, in A. TESSITORE (a cura di), Letture integrative sul bilancio di esercizio delle imprese, Luev, Verona, aggiornamento 2006.
P. PISONI, D. BUSSO, Il bilancio consolidato, Giuffrè, Milano, 2005, esclusi par. 6.3, 6.4, 6.7, 7.6.
R. STACCHEZZINI (a cura di), Esercizi in tema di bilancio d’impresa, Luev, Verona, 2006, parte III e IV.
I lucidi delle lezioni saranno resi disponibili sul sito Web di Ateneo, nella pagina dedicata al docente del corso.

Modalità di svolgimento delle lezioni
Il corso è sviluppato mediante lezioni settimanali (4 crediti) ed esercitazioni (1 credito). Verrà presentato il bilancio consolidato di un gruppo industriale che costituirà il riferimento dell’ultima lezione del corso.

Modalità d'esame

L’esame ha luogo in forma scritta, con eventuale integrazione orale facoltativa.

Crediti per attività formative di tipo f)
A completamento del corso è inoltre proposto un progetto (ad adesione facoltativa) relativo ad attività formative di tipo f) per l’acquisizione di abilità relazionali.
Gli studenti devono svolgere un lavoro di gruppo (su personal computer mediante “Excel”) finalizzato all’interpretazione e analisi del bilancio di esercizio di un’impresa scelta dal gruppo formato, al massimo, da 5 studenti. L’analisi del bilancio deve essere svolta mediante: a) riclassificazione dei prospetti di stato patrimoniale e di conto economico; b) calcolo del sistema dei quozienti di bilancio; c) calcolo dei flussi di cassa; d) predisposizione di una sintetica relazione finale sullo stato di “salute” dell’impresa.
L’impegno previsto per ciascuno studente è di circa 6 giornate da 8 ore ciascuna, corrispondenti a 2 CFU.

Materiale didattico

Documenti