Principi di governo delle aziende non profit (2012/2013)

Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)

Codice insegnamento
4S02491
Docente
Giorgio Mion
Coordinatore
Giorgio Mion
crediti
9
Settore disciplinare
SECS-P/07 - ECONOMIA AZIENDALE
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
secondo semestre dal 18-feb-2013 al 24-mag-2013.

Orario lezioni

Obiettivi formativi

L'obiettivo dell'insegnamento è quello di fornire agli studenti le conoscenze fondamentali relative all’amministrazione ed al governo delle aziende "non-imprese", siano esse a soggetto economico privato o pubblico.
Inoltre, l’insegnamento si propone di far maturare negli studenti competenze nell’analisi delle variabili strategiche, sapendo individuare soluzioni efficienti ed efficaci alle diverse problematiche che si manifestano nella gestione delle aziende non profit.

Programma

1. le aziende non profit: definizione del campo di indagine
2. mission, assetto istituzionale e governance
3. il sistema delle variabili strategiche: l’assetto istituzionale e l’approccio ai mercati
4. la gestione delle risorse finanziarie ed il fund raising
5. la misurazione delle performance, strumenti di informazione esterna e controllo interno
6. la comunicazione sociale
7. le relazioni interistituzionali nell'ambito del processo evolutivo della pubblica amministrazione

L’esposizione degli argomenti in programma sarà supportata anche dalla presentazione di casi di studio.
Il materiale di studio e di approfondimento viene fornito sulla piattaforma e-learning, a cui lo Studente deve iscriversi mediante la password fornita dal Docente.

Modalità d'esame

La prova di esame è svolta in forma orale; lo Studente deve scegliere un argomento tra i “temi del corso” forniti dal Docente preventivamente e presentarlo alla commissione. Al termine di tale presentazione, il colloquio proseguirà con alcune domande sugli altri argomento del programma.
La prova orale – valutata in 30esimi – accerta le conoscenze specifiche acquisite dallo Studente, la sua capacità di analisi di problemi complessi, nonché l’utilizzo corretto del linguaggio tecnico e delle categorie logiche di riferimento.