Economia della regolamentazione e diritto della concorrenza (2012/2013)

Codice insegnamento
4S02500
Crediti
9
Coordinatore
Claudio Zoli
L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
ECONOMIA DELLA REGOLAMENTAZIONE E DIRITTO DELLA CONCORRENZA(MOD.1) 5 SECS-P/03-SCIENZA DELLE FINANZE primo semestre Claudio Zoli
ECONOMIA DELLA REGOLAMENTAZIONE E DIRITTO DELLA CONCORRENZA(MOD.2) 4 IUS/05-DIRITTO DELL'ECONOMIA primo semestre Anna Genovese

Obiettivi formativi

Modulo: ECONOMIA DELLA REGOLAMENTAZIONE E DIRITTO DELLA CONCORRENZA(MOD.1)
-------
Lo scopo del corso è di fornire agli studenti gli strumenti per l’analisi economica delle politiche di regolamentazione e di tutela della concorrenza. L’insegnamento prevede l’integrazione dell’analisi economica con l’analisi giuridica. Verranno analizzate e discusse le motivazioni fornite dalla teoria economica per l’intervento pubblico nella regolazione dei mercati, in particolare verranno trattati i principali strumenti di regolazione e saranno discusse alcune delle violazioni della concorrenza di interesse per le politiche antitrust. La prima parte del modulo riguarderà l’analisi economica dello strumento delle aste/gare di appalto per l’accesso al mercato.
A completamento del corso gli studenti saranno in grado di:
- Comprendere e valutare criticamente le giustificazioni dell’intervento pubblico nella regolamentazione a favore della concorrenza.
- Analizzare economicamente i meccanismi d’asta per l’allocazione di risorse ed accesso ai mercati.


Modulo: ECONOMIA DELLA REGOLAMENTAZIONE E DIRITTO DELLA CONCORRENZA(MOD.2)
-------
Il modulo intende affrontare il complesso ed articolato rapporto tra mercato concorrenziale e diritto. Ci si propone di approfondire il duplice intervento dell'ordinamento giuridico teso, da un lato, a tutelare e promuovere la logica concorrenziale in relazione alle attività economiche private e pubbliche, e, dall'altro lato, a bilanciare la libertà economica e competitiva con altri non collimanti interessi pubblici.

Programma

Modulo: ECONOMIA DELLA REGOLAMENTAZIONE E DIRITTO DELLA CONCORRENZA(MOD.1)
-------
L’insegnamento prevede 30 ore di lezione (5cfu)
Il programma verrà ripartito in due parti.
Nella prima parte del corso:
- Verranno introdotti gli strumenti dell’analisi dell’interazione strategica
- Saranno analizzate le applicazioni di tali strumenti nel contesto di aste ed appalti con particolare interesse all’analisi degli appalti pubblici
Nella seconda parte del modulo
- Saranno discusse le relazioni tra potere di mercato, efficienza, benessere sociale e monopolio naturale
- Verranno illustrate le principali tematiche riguardanti l’analisi economica dei meccanismi di regolamentazione.
- Verranno discussi i problemi relativi al valutazione del potere di mercato, con interesse alle applicazioni relative ai comportamenti collusivi, condotte predatorie e pratiche abusive.

Il programma dettagliato del corso verrà fornito durante le lezioni e reso disponibile sul sito e-learning di Ateneo

Libri di testo e materiale didattico:
Parte del materiale didattico verrò indicato a lezione e sarà tratto da diversi testi.
Tra i testi parzialmente utilizzati:
Motta M. e Polo, M. (2005): Antitrust. Economia e politica della concorrenza. Il Mulino, Bologna.
Muraro, G. e Valbonesi P. (2003): I servizi idrici tra mercato e regole. Carrocci, Roma.

Durante lo svolgimento del corso verranno specificate le parti dei testi che saranno materia di esame e saranno indicate tutte le letture aggiuntive.
Eventuale materiale didattico integrativo sarà reso disponibile on-line, sul sito e-learning di Ateneo, durante le lezioni.


Modulo: ECONOMIA DELLA REGOLAMENTAZIONE E DIRITTO DELLA CONCORRENZA(MOD.2)
-------
1. Economia di mercato, concorrenza e ruolo del diritto.
2. Comportamenti anticoncorrenziali delle imprese:
- intese restrittive
- abuso di posizione dominante
- concentrazioni potenzialmente distorsive
3. Intervento pubblico nell'economia e concorrenza
- aiuti di Stato,
- limitazioni quantitative delle attività economiche,
- imprese pubbliche
- diritti speciali ed esclusivi
- servizi pubblici
- regolazione economica dei servizi a rete

Testi cosigliati:

Piero Fattori, M. Todino, La disciplina della concorrenza in Italia, 2a ed., Bologna, Il Mulino, 2010, da pag. 15 a pag. 381.

Modalità d'esame

Modulo: ECONOMIA DELLA REGOLAMENTAZIONE E DIRITTO DELLA CONCORRENZA(MOD.1)
-------
Prova scritta
Gli studenti dovranno dimostrare di
- Aver compreso gli elementi rilevati della teoria dei giochi e le loro applicazioni all’analisi dei comportamenti strategici d’impresa. In particolare dovranno essere in grado di applicare tali concetti sia tramite analisi numerica che l’analisi di casi studio a problemi relativi alla determinazione delle strategie di prezzo e qualità dei prodotti in aste o gare d’appalto.
- Essere in grado di esporre le proprie argomentazioni in modo rigoroso ed in tempo limitato, identificando e selezionando gli elementi essenziali per l’esposizione.
- Avere acquisito appropriata competenza nei concetti trattati al fine di poterli applicare in modo critico all’analisi di “casi di studio”.
- Essere in grado, ove necessario o richiesto, di integrare i concetti economici con quelli giuridici illustrati nel modulo di Diritto della Concorrenza.
La prova comprende quesiti che possono essere formalizzati in forma di domande aperte, esercizi o breve analisi di casi studio. I quesiti, ripartiti in varie sezioni, possono comprendere combinazioni di tali forme di verifica. Il contributo alla valutazione finale di ogni quesito viene reso esplicito nell’esame.
Copia di un testo di esame sarà reso disponibile sul sito e-learning di Ateneo dedicato all'insegnamento


Modulo: ECONOMIA DELLA REGOLAMENTAZIONE E DIRITTO DELLA CONCORRENZA(MOD.2)
-------
La prova di esame è scritta. Essa verifica la capacità dello studente di studiare le complesse questioni del diritto antitrust e le conoscenze dello studente nel campo del diritto italiano ed europeo della concorrenza.
Le domande sono formulate in modo da verificare anche le capacità dello studente di continuare a studiare in modo autonomo il diritto antitrust.
Le risposte dello studente devono dimostrare capacità di capire l'importanza del diritto antitrust nella gestione delle imprese.
Copia di un testo di esame sarà reso disponibile sul sito e-learning di Ateneo dedicato all'insegnamento.