Economia industriale (2014/2015)

Codice insegnamento
4S00509
Docente
Eugenio Peluso
Coordinatore
Eugenio Peluso
crediti
9
Settore disciplinare
SECS-P/01 - ECONOMIA POLITICA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Primo semestre dal 15-set-2014 al 9-gen-2015.

Orario lezioni

Obiettivi formativi

Il corso di Economia Industriale si propone di analizzare il comportamento delle imprese e il funzionamento dei mercati utilizzando gli strumenti della microeconomia e della teoria dei giochi, rivolgendo quindi una particolare attenzione all’interazione strategica tra i diversi agenti economici.
Il corso è rivolto a studenti dell’area aziendale che mirano a ricoprire ruoli manageriali in aziende ed enti pubblici. L’esposizione dei modelli teorici sarà quindi motivata dalla presentazione di recenti casi aziendali e completata dall’analisi delle politiche pubbliche rilevanti per le imprese e i mercati, come le normative sui brevetti, la disciplina antitrust e l'attività di regolamentazione. Le 72 ore di lezioni frontali del corso forniranno agli studenti due principali competenze:
1) La dimestichezza con i più recenti modelli teorici usati per analizzare sia il comportamento delle imprese (in termini di strategia, marketing e organizzazione)sia l'impatto sui mercati delle politiche pubbliche sulla concorrenza;
2) La capacità di analizzare e di rielaborare i dati e le informazioni economiche relative ai diversi settori industriali, al funzionamento dei mercati e agli effetti delle politiche di regolamentazione.

Programma

Il programma del corso contempla i seguenti argomenti:
- Richiami di microeconomia: Forme di mercato e potere di mercato; tecnologia, costi di produzione, domanda dei fattori e massimizzazione dei profitti. Il problema duale.
- Il monopolio: i tipi di discriminazione del prezzo in regime di monopolio: prezzi lineari e prezzi non lineari; differenziazione del prodotto.
- L’interazione strategica tra le imprese: Teoria dei giochi e concorrenza alla Cournot; la concorrenza dei prezzi (Bertrand); giochi dinamici, induzione a ritroso ed equilibri perfetti nei sottogiochi.
- Strategie anticompetitive: prezzo limite e barriere all’entrata; comportamento predatorio; fissazione del prezzo e giochi ripetuti; la collusione e la normativa antitrust.
- Le fusioni orizzontali e le restrizioni verticali.
- Concorrenza non di prezzo: pubblicità, potere di mercato,
- Efficienza dinamica e concorrenza: Ricerca e sviluppo e brevetti.
- Le reti: il modello di Rohlfs (ovvero perchè Facebook ha successo).

Il manuale di riferimento è:
Organizzazione industriale 2/ed (2013): Lynne Pepall, Daniel J. Richards, George Norman e Giacomo Calzolari. Mac Graw-Hill, MISBN: 9788838667831.

Modalità d'esame

L’accertamento delle competenze acquisite dagli studenti si baserà sulla valutazione di una verifica scritta che consisterà in 3 esercizi o domande aperte, eventualmente ispirate a temi di attualità economica. Una prova parziale facoltativa è prevista a Novembre. Gli studenti che avranno superato la prova parziale, potranno completare l'esame sostenendo la prova scritta sugli argomenti residui in uno dei due appelli della sessione invernale. Il voto finale sarà determinato al 40% dalla prova parziale, al 60% dalla seconda prova.
Tutte le informazioni sui contenuti del corso, sulle modalità dell’esame e sui materiali saranno disponibili sul sito e-learning del corso, che sarà attivato per offrire un valido supporto agli studenti frequentanti e per permettere agli studenti non-frequentanti di avere pieno accesso ai contenuti del corso.