Economia delle aziende pubbliche e non profit (2015/2016)

Codice insegnamento
4S01519
Docenti
Angela Broglia, Giorgio Mion
Coordinatore
Angela Broglia
crediti
9
Settore disciplinare
SECS-P/07 - ECONOMIA AZIENDALE
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Secondo Semestre Magistrali dal 22-feb-2016 al 1-giu-2016.

Orario lezioni

Secondo Semestre Magistrali
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 8.30 - 11.00 lezione Aula SPD  
giovedì 11.00 - 13.30 lezione Aula SPD  

Obiettivi formativi

L’insegnamento, richiamando i concetti fondanti dell’Economia aziendale, è diretto a fornire le nozioni, le categorie logiche e gli strumenti applicativi necessari alla conoscenza ed alla comprensione dei fenomeni aziendali ascrivibili alla pubblica amministrazione ed alle organizzazioni non profit.
Pur nella varietà delle aziende facenti parte del settore pubblico e non profit e delle loro conseguenti peculiarità, l’insegnamento intende focalizzare l’attenzione sulle caratteristiche comuni che connotano il loro dinamico svolgersi.
A tal fine, l’insegnamento vuole fornire agli studenti gli strumenti cognitivi per conoscere e comprendere gli assetti istituzionali e di governance, i modelli contabili, i sistemi di controllo ed i processi di rendicontazione e di comunicazione, tanto per le aziende pubbliche quanto per quelle non profit.

Programma

1) Aziende non profit
- i caratteri istituzionali
- le peculiarità gestionali
- il sistema informativo-contabile
- la valutazione delle performance
- l’accountability
- i controlli nelle aziende non profit
2) Aziende pubbliche
- le peculiarità gestionali
- i modelli manageriali
- fondamenti di ragioneria pubblica


--------------

Modalità didattiche
Le modalità didattiche adottate consistono in lezioni frontali per quanto attiene alla trasmissione delle nozioni basilari, delle categorie-chiave e degli strumenti applicativi fondamentali; saranno, poi, attivati modalità didattiche partecipative ed incontri con esperti del settore.
Inoltre, sarà proposto un lavoro di gruppo facoltativo, teso ad approfondire le competenze relative alla lettura, all’analisi ed all’interpretazione dei dati contabili, nonché a sviluppare le abilità relazionali, le capacità comunicative e l’attitudine autovalutativa. Il lavoro di gruppo sarà presentato alla classe e valutato, permettendo la maturazione di un bonus – massimo 4 punti – che si cumulerà al voto riportato nella prova scritta (se sufficiente) nei tre appelli delle sessioni estiva ed autunnale.

--------------

Materiale didattico
Oltre ai libri di testo indicati nell'apposita sezione, le slide utilizzate a lezione ed altri materiali utili saranno disponibili nella pagina elearning dedicata all'insegnamento.


Programma e materiali di studio sono i medesimi, a prescindere dalla frequenza alle lezioni.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Rota Silvia, Sicilia Mariafrancesca, Steccolini Ileana Bilancio e misurazione della performance nelle amministrazioni pubbliche Maggioli 2015 9788891611048 limitatamente ai capitoli primo, terzo e quinto
Propersi Adriano Gestione e bilanci degli enti non profit Franco Angeli 2012 9788856847741 eccettuato il capitolo primo

Modalità d'esame

Le modalità di accertamento dell’apprendimento prevedono una prova scritta che può eventualmente essere seguita ed integrata da un colloquio.
La prova scritta è composta da domande a riposta aperta, che possono anche prevedere determinazioni quantitative, analisi di dati, ecc...
La prova scritta è tesa ad accertare che lo studente:
- abbia una salda conoscenza dei tratti distintivi che connotano le aziende pubbliche e non profit, nonché degli aspetti salienti della loro dinamica gestionale;
- sappia sviluppare le tematiche proposte, esponendole con un linguaggio corretto ed argomentandole con coerenza e senso critico;
- sia in grado di applicare gli schemi logici e di determinare le quantità segnaletiche, così da trarre indicazioni utili all'interpretazione dei fatti aziendali.

La prova scritta, complessivamente, è valutata in 30esimi. Al voto riportato nella prova scritta, se sufficiente, si aggiungerà il bonus eventualmente acquisito durante in semestre, grazie alla partecipazione al lavoro di gruppo.

La prova orale è facoltativa, su richiesta dello studente che abbia riportato nella prova scritta una valutazione almeno pari a 25/30esimi. La prova orale – riservata allo studente che abbia, dunque, dimostrato il buon livello della propria preparazione – è un’occasione per mettere in luce la capacità di collegare in forma sistemica le conoscenze acquisite e di comunicarle in modo efficace.

Le prove d'esame non discriminano tra frequentanti e non frequentanti.

Opinione studenti frequentanti - 2015/2016