Storia dell'impresa e del management (2016/2017)

Codice insegnamento
4S02502
Docente
Sergio Noto
Coordinatore
Sergio Noto
crediti
9
Settore disciplinare
SECS-P/12 - STORIA ECONOMICA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Primo semestre Magistrali dal 26-set-2016 al 13-gen-2017.

Orario lezioni

Primo semestre Magistrali
Giorno Ora Tipo Luogo Note
mercoledì 9.20 - 11.35 lezione Aula SPD  
venerdì 9.20 - 11.35 lezione Aula SPB  

Obiettivi formativi

Obiettivo del corso è contribuire allo sviluppo di attitudini critiche nell’interpretazione dei fatti economici e aziendali attraverso la conoscenza delle vicende economiche, imprenditoriali e le teorie economiche più significative dal 1945 al 2010. È importante che lo studente che si appresta ad affrontare il mondo lavorativo - oltre che di ottime conoscenze tecniche già fornite da altri insegnamenti - possa disporre di elementi basati sui fatti economici che gli consentano un confronto il più ampio e realistico possibile sulla realtà dei comportamenti delle imprese, delle istituzioni, dei singoli imprenditori e dei consumatori, in breve di tutti i fattori che concretamente concorrono a determinare le caratteristiche del mercato.

Programma

Lo studente dovrà dimostrare di conoscere bene le problematiche relative ai seguenti avvenimenti e teorie economiche che hanno caratterizzato la crescita economica italiana ed europea dal 1945 al 2007:
1. Il rapporto tra innovazione e ciclo economico nelle teorie di Schumpeter
2. Le teorie del capitale e del ciclo di Hayek e Keynes
3. Ronald Coase e la moderna teoria dell’impresa
4. Il «corporativismo» come fil rouge delle vicende economiche del ‘900 europea
5. Il rapporto fra banche e imprese nella crisi italiana dei primi anni ’30: una storia esemplare
6. Il problema del passaggio dal fascismo alla Repubblica: continuità o rottura? Il Piano Marshall
7. Fordismo e postfordismo in Italia
8. Le caratteristiche generali del capitalismo italiano. Lo sviluppo economico italiano dagli anni ’50 a Tangentopoli. Crescita senza sviluppo?
9. Il sistema monetario internazionale: da Bretton Woods all’Euro
10. I protagonisti dell’imprenditoria privata italiana dagli anni ’50 al 2000
11. Le politiche economiche dei governi italiani dagli anni ’50 al 2000: la svolta del 1963.
12. La nascita e il ruolo delle PMI. Caratteristiche e collocazione dei più importanti distretti industriali italiani
13. L’Italia e l’Europa. Aspetti positivi e aspetti negativi delle istituzioni europee nello sviluppo economico italiano dagli anni ’50 a oggi.
14. La questione meridionale nel periodo del miracolo economico
15. L’industria prima della nazionalizzazione dell’industria elettrica.
16. Adriano Olivetti e il caso dell’azienda omonima fino al 1963
17. La Fiat da Valletta a Marchionne
18. Finanza e imprese in Italia. Dalle banche miste, a Mediobanca alla privatizzazione degli istituti di credito e allo smantellamento della Legge Bancaria del ’36.
19. La siderurgia pubblica dalla rinascita del miracolo economico fino alle privatizzazioni (anni ’90).
20. I problemi della Borsa italiana e i casi di un uso distorto dello strumento borsistico (Olivetti, Telecom, Parmalat etc.).
21. Enrico Mattei, l’AGIP, l’ENI e la produzione di stato di energia a basso costo come fattore di sviluppo industriale.
22. Le privatizzazioni degli anni ’90.
23. Fininvest e la vicenda imprenditoriale di Silvio Berlusconi
24. Innovazione e investimenti in R&S nella storia imprenditoriale italiana del dopoguerra.
25. Corruzione e costi della politica quale fattore di declino: la vicenda irrisolta di Tangentopoli
Tutti gli studenti dovranno dimostrare di conoscere le problematiche sopra indicate, che saranno oggetto delle lezioni.
Gli studenti frequentanti potranno sostenere l’esame sulla base degli appunti delle lezioni e scegliendo almeno 2 dei libri sottoelencati, che saranno oggetto di una discussione critica in sede d’esame.

Gli studenti non frequentanti prepareranno l’esame con lo studio accurato del volume di A. Graziani, Lo sviluppo dell'economia italiana. Dalla ricostruzione alla moneta europea, Torino Bollati Boringhieri, 2000 e scegliendo almeno 2 dei volumi sottoelencati. In alternativa gli studenti non frequentanti possono concordare personalmente con il docente un programma ad hoc per l’esame, sulla base dei loro interessi e finalità di studio.
1. Bagnai A. (2012) Il tramonto dell'Euro. Come e perché la fine della moneta unica salverebbe democrazia e benessere in Europa, Reggio Emilia: Imprimatur editore.
2. Barbacetto, Gianni, Gomez, Peter and Travaglio, Marco. (2002) Mani pulite la vera storia da Mario Chiesa a Silvio Berlusconi, Roma: Editori Riuniti.
3. Berta, Giuseppe. (2011) Fiat-Chrysler e la deriva dell'Italia industriale, Bologna: Il Mulino.
4. Biondani, Paolo, Gerevini, Mario, Malaguti, Vittorio. (2008) Capitalismo di rapina. La nuova razza predona del capitalismo italiano, Milano: Chiarelettere.
5. Castronovo, Valerio, Castagnoli, Adriana, Amatori, Franco, et al. (2012) Storia dell'IRI, Roma Bari: GLF editori Laterza.
6. Cohen, Jon - Federico, Giovanni. (2001) Lo sviluppo economico italiano 1820-1960, Bologna: Il Mulino.
7. Ebenstein, Alan e Noto, Sergio. (2009) Friedrich von Hayek una biografia introduzione e traduzione di Sergio Noto, Soveria Mannelli (Catanzaro): Rubbettino.
8. Ferrarotti, Franco. (2013) La concreta utopia di Adriano Olivetti, Bologna: EDB.
9. Isaacson, Walter. (2011) Steve Jobs, Milano: Mondadori.
10. Josephson, Matthew. (2004) Capitalisti rapaci la grande epopea dell'industria americana in un capolavoro inedito di storia economica: «The robber barons» prefazione di Giuseppe Turani traduzione a cura di Elena Riva, Milano: Orme.
11. Kotler, Philip, Kartajaya, Hermawan, Setiawan, Iwan, et al. (2010) Marketing 3.0 dal prodotto al cliente, all'anima prefazione all'edizione italiana di Walter G. Scott presentazione di Suslo Bambang Yudhoyono, Milano: Gruppo 24 ore.
12. Mucchetti, Massimo. (2004) Licenziare i padroni, Milano: Feltrinelli.
13. Preti, Paolo. (2011) Il meglio del piccolo l'Italia delle PMI un modello originale di sviluppo per il paese prefazione di Enzo Rullani con un saggio di Marina Puricelli, Milano: Egea.
14. Reberschak, Maurizio. (2013) Il grande Vajont, Verona: Cierre.
15. Sapelli, Giulio. (2004) Giochi proibiti Enron e Parmalat capitalismi a confronto, Milano: Bruno Mondadori.
16. Sapelli, Giulio. (2007) Etica d'impresa e valori di giustizia, Bologna: Il Mulino.
17. Sapelli, Giulio. (2012) Elogio della piccola impresa, Bologna: Il Mulino.
18. Schmitter, Philippe C. and Falcioni, Rinaldo. (2000) Come democratizzare l'Unione europea e perché, Bologna: Il Mulino.
19. Schumpeter, Joseph Alois. (1984) Capitalismo, socialismo e democrazia, Milano: Etas Libri.
20. Streeck, Wolfgang and Anceschi, Barbara. (2013) Tempo guadagnato la crisi rinviata del capitalismo democratico traduzione di Barbara Anceschi, Milano: Feltrinelli.
21. Swedberg, Richard. (1998) Joseph A. Schumpeter vita e opere, Torino: Bollati Boringhieri.

Modalità d'esame

L’esame si svolge in modalità scritta e orale. La prova scritta è preliminare al colloquio orale e si svolge sulla base di 15 domande a risposta aperta attraverso la piattaforma e-learning di Ateneo (durata della prova 150’). La prova orale successiva consiste in un colloquio atto ad accertare lo sviluppo delle capacità critiche e delle conoscenze storiche dello studente. Durante il corso saranno indicate alcune attività aggiuntive da svolgere da parte degli studenti (partecipazione al forum di discussione sulla piattaforma e-learning, paper da scrivere in relazione a temi indicati dal docente) che concorrono alla definizione del voto finale, secondo modalità che saranno indicate di volta in volta.

Opinione studenti frequentanti - 2016/2017