Matematica per le decisioni economico-finanziarie (2017/2018)

Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)

Codice insegnamento
4S02835
Docente
Francesco Rossi
Coordinatore
Francesco Rossi
crediti
6
Settore disciplinare
MAT/09 - RICERCA OPERATIVA
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
Primo Semestre Triennali dal 18-set-2017 al 12-gen-2018.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

L’insegnamento mira a fornire la conoscenza degli strumenti quantitativi di base e dei classici modelli
matematici per l’analisi e la valutazione delle principali operazioni economico-finanziarie, dei contratti di
finanziamento e dei progetti di investimento, degli strumenti e modelli che possono essere impiegati per un’efficiente gestione aziendale.
Al termine delle lezioni, lo studente dovrà essere in grado di impostare correttamente un problema di valutazione economico-finanziaria tenendo in considerazione le giuste ipotesi, la corretta scelta delle espressioni matematiche adottate e la corretta metodologia per la risoluzione del problema; pertanto, l’insegnamento si propone di sviluppare la capacità di autonomo ragionamento nell’analisi e nell’interpretazione di concreti problemi di scelta.

Propedeuticità
Pur non essendo prevista acuna propedeuticità formale, per rendere proficuo l’apprendimento, si consiglia di aver già superato l’esame di Matematica, del primo anno, e di Statistica, del secondo anno.

Programma

1. Leggi e regimi finanziari
Operazioni finanziarie: capitalizzazione e attualizzazione. Leggi finanziarie: montante, valore attuale, interesse, sconto, tasso di interesse e tasso di sconto. Regime dell'interesse semplice, della capitalizzazione più volte all'anno, dell’interesse composto, dello sconto commerciale. Tassi di interesse equivalenti su periodi diversi dall’anno. Arbitraggio finanziario, scindibilità delle leggi finanziarie, tassi spot, tassi forward. Forza di interesse. Operazioni in valuta. Tassi nominali, inflazione, tassi reali.

2. Operazioni finanziarie composte
Operazioni finanziarie composte e loro classificazione. Valore attuale e montante di un insieme di movimenti finanziari. Valore attuale netto (VAN ovvero NPV). Valutazione della rata, del numero di rate, del tasso implicito (TIR ovvero IRR). Credito al consumo, TAN e TAEG. Piani di ammortamento e condizioni di chiusura. Ammortamento a quote capitale costanti, a rate costanti, a quote interessi anticipati, con quote di accumulazione. Il pre-ammortamento. Estinzione anticipata di un mutuo. Mutui a tasso indicizzato. Il leasing finanziario. Piani di accumulo.
Prestiti obbligazionari e valutazione del prezzo di un’obbligazione, stima della struttura a termine dei tassi. Controllo/immunizzazione del rischio di tasso: duration e convexity.
Criteri di scelta fra operazioni/progetti finanziari: NPV, IRR, TRM, WACC.

3. Selezione del portafoglio con due attività rischiose
Richiami di calcolo delle probabilità: valore atteso, varianza, correlazione. Gli investimenti in attività a rendimento aleatorio. Rendimento atteso e volatilità/rischio di un portafoglio di attività. L’avversione al rischio e il modello di Markowitz. Rendimento e rischio di un portafoglio con: una attività a rendimento aleatorio e una a rendimento certo, due attività a rendimento aleatorio, due attività a rendimento aleatorio e una a rendimento certo. Capital Allocation Line. Capital Market Line.

Libri di testo
➢ Giacomo Scandolo, Matematica finanziaria, Amon, Padova, 2013 (per i capitoli interessati dai temi di cui ai punti del programma) ed Matematica finanziaria: esercizi, Amon, Padova, 2013.
Inoltre:
➢ per la sintesi teorica ed esercizi circa i punti 1 e 2 si consiglia:
A. Basso, P. Pianca, Introduzione alla Matematica Finanziaria, Cedam, Padova, 2010.
➢ per quanto al punto 3 si può vedere anche:
F. Rossi, F. Mantovani, Teoria di portafoglio (diversificazione degli investimenti e controllo del profilo rendimento-rischio), Monduzzi Editore, 2010, pagine 1-46 e 75-86.


Materiale didattico è disponibile on line accedendo dalla pagina web del corso.


Modalità di svolgimento delle lezioni
Il corso si compone di 48 ore di lezione. Sono previste anche delle ore di tutorato.


Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Basso A., Pianca P. Introduzione alla Matematica Finanziaria CEDAM 2010
Scandolo Giacomo Matematica Finanziaria Amon 2013
Scandolo Giacomo Matematica finanziaria - Esercizi Amon 2013

Modalità d'esame

NON è prevista una prova di accertamento intermedia.
A conclusione delle lezioni, è prevista una prova scritta finale di due ore. La prova scritta finale riguarda tutti gli argomenti in programma, è articolata in più quesiti ispirati agli esempi presentati in aula nonchè a quelli contenuti nel materiale disponibile on-line. L’allievo dovrà presentarsi munito di calcolatrice e del formulario, disponibile on line, formulario che, naturalmente, non deve essere “integrato”, pena l’esclusione dalla prova.
Le prove sono tese ad accertare:
- la conoscenza degli argomenti in programma
- la capacità di applicare metodi e modelli alle diverse problematiche economico-finanziarie

La Commissione potrà richiedere una integrazione orale tesa a verificare:
- la profondità e l’ampiezza delle conoscenze maturate;
- la proprietà di linguaggio;
- la capacità di collegare in forma sistemica le conoscenze.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018