Storia dello sviluppo economico territoriale (2017/2018)

Codice insegnamento
4S001452
Docenti
Sergio Noto, Elisa Dalla Rosa
Coordinatore
Sergio Noto
crediti
9
Settore disciplinare
SECS-P/12 - STORIA ECONOMICA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
Secondo Semestre Magistrali dal 26-feb-2018 al 25-mag-2018.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso si propone in particolare modo di sviluppare maggiore sensibilità nel considerare lo sviluppo economico come una questione complessa, non certamente legata solo alla crescita economica (quantita-tiva), ma come il risultato di un insieme di fattori, in senso lato culturali, prevalentemente extraeconomi-ci (storici, demografici, geografici, tecnologici, religiosi, etici, etc.). A tal fine il corso si propone di offri-re alcune chiavi di lettura basate sulla letteratura economica e storico economica più recente.

Programma

1. Definizione del concetto di sviluppo economico e di crescita economica. Lo sviluppo economi-co come fatto culturale. Da J. Huizinga a Robert J. Barro.
2. La produzione di ricchezza e la ricerca della vita eterna nel Medioevo. L’organizzazione sociale ed economica conseguente.
3. Utopia e organizzazione sociale: alcuni casi rilevanti tra ‘800 e 900. Il comunismo sovietico e negli altri paesi: un esperimento chiuso?
4. Il ruolo delle istituzioni economiche e politiche inclusive quali determinanti la crescita economi-ca delle nazioni (Gran Bretagna, Usa, Giappone Europa occidentale).
5. Il ruolo delle istituzioni economiche e politiche estrattive quali determinanti il fallimento e la stagnazione delle nazioni (Messico, Russia, Cina).
6. Sviluppo di civiltà e cultura: alcuni esempi paradigmatici in area sudamericana.
7. Lo sviluppo economico dei paesi orientali. I modelli di Cina, Giappone e Corea.
8. I valori borghesi, da Sombart a McCloskey.
9. Il modello di sviluppo industriale veronese e quello del resto del Veneto. Principali differenze nello sviluppo economico regionale italiano.
10. Il modello di sviluppo economico delle PMI e sue conseguenze sul territorio e gli investimenti
11. I problemi ambientali della crescita economica. Le teorie sulla decrescita. Sostenibilità ed equili-brio economico.

TESTI DI RIFERIMENTO:

D. Acemoglu, J. Robinson, Perché le nazioni falliscono. Alle origini di prosperità, potenza e povertà, Milano, Il Saggiatore, 2013.
M. De Cecco, L’economia di Lucignolo, opportunità e vincoli dello sviluppo italiano, Roma, Donzelli, 2000
J. Cohen e G. Federico, Lo sviluppo economico italiano 1820-1960, Bologna, Il Mulino, 2001.
E. Felice, Ascesa e declino. Storia economica d’Italia, Bologna, Il Mulino, 2015 (capitoli da concordare col docente).
J. Huizinga, La crisi della civiltà, Pgreco edizioni, 2012
D.N. McCloskey, I vizi degli economisti, le virtù della borghesia, IBL Libri, 2014.
T. Piketty, Il capitale nel XX secolo, Milano, Bompiani, 2014.
G. Roverato, L’industria nel Veneto: storia economica di un caso regionale, Padova, Esedra, 1996
J. Schumpeter, Teoria dello Sviluppo Economico, Milano, Rizzoli Etas, 2002
G. Toniolo, L’Italia e l’economia mondiale dall’Unità a oggi, Venezia, Marsili, 2013.

Modalità d'esame

L’esame si svolge in forma orale. Gli studenti sono tenuti a preparare due testi tra quelli porposti dopo averli concordati con il docente e a produrre un breve paper di approfondimento della lunghezza mini-ma di 40.000 caratteri (spazi inclusi) su un tema di loro interesse tra quelli trattati a lezione, concordan-doli con il docente.
Il voto finale risulta così composto: 65% prova orale; 25% esercitazione scritta svolta durante il corso; 10% valutazione del docente della partecipazione alla discussione su temi oggetto del corso sulla piatta-forma e-learning.
Gli studenti non frequentanti devono concordare il programma con il docente.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018