Progettazione organizzativa (2019/2020)

Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)

Codice insegnamento
4S02494
Docenti
Cecilia Rossignoli,
Coordinatore
Cecilia Rossignoli
crediti
9
Settore disciplinare
SECS-P/10 - ORGANIZZAZIONE AZIENDALE
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
secondo semestre magistrali dal 24-feb-2020 al 29-mag-2020.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso intende fornire agli studenti le conoscenze relative alle metodologie e gli strumenti di analisi idonei a interpretare, sistematizzare, ingegnerizzare e re-ingegnerizzare le strutture, i processi e i meccanicismi operativi presenti all’interno delle diverse organizzazioni. L’approccio teorico seguito fa riferimento alle principali teorie organizzative tra le quali la transaction cost theory, la teoria dell’agenzia, le teorie contingenti e situazionali, la teoria della dipendenza da risorse, la teoria istituzionale, la knowledge based view. Parte centrale del corso sarà dedicato allo sviluppo delle competenze in materia di progettazione e riprogettazione dei processi organizzativi attraverso l'effettuazione di sessioni di applicazione di modelli strumenti e tecniche di BPM (Business Process Management). Questo percorso formativo permetterà allo studente di maturare una visione organica e completa relativamente al tema della progettazione organizzativa sia a livello intra-organizzativo sia a livello inter-organizzativo. Ampio spazio verrà dedicato inoltre alle tematiche relative al Decision Making e al ruolo delle tecnologie dell’informazione sia nella progettazione organizzativa sia nel contesto del Decision Making.

Programma

Problemi fondamentali di progettazione organizzativa
Progettare la struttura organizzativa tra autorità e controllo
Progettare la struttura organizzativa tra specializzazione e coordinamento
L’istituzione e la gestione della cultura organizzativa
Strategic Human Resource Management
La progettazione e la strategia organizzativa in un ambiente globale mutevole
La progettazione organizzativa e la tecnologia
Il cambiamento organizzativo e le trasformazioni organizzative
Decision Making, Knowledge Management e ICT (Information and Communication Technology).

Modalità didattiche
Oltre alle lezioni frontali durante il corso sarà dato spazio all'analisi e discussione di casi sviluppati dagli studenti. A completamento del percorso formativo saranno invitati a testimoniare esperti di progettazione organizzativa operanti in realtà leader a livello nazionale ed internazionale.
Durante tutto l’anno accademico, inoltre, è disponibile il servizio di ricevimento individuale gestito dai docenti, negli orari indicati sulle pagine web (senza necessità di fissare uno specifico appuntamento) e costantemente aggiornati.
Il contenuto dei libri di testo, nonché delle lezioni ed esercitazioni tenute in aula è aderente al programma.
Il programma e i materiali di studio sono i medesimi, a prescindere dalla frequenza alle lezioni.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Gareth Jones Organizzazione. Teoria, progettazione, cambiamento (Edizione 2) EGEA 2012 978-88-238-2159-0

Modalità d'esame

L'esame consiste in una prova scritta a domande aperte.
Le domande sono strutturate in maniera tale da verificare il livello di conoscenza dei temi riguardanti la progettazione delle organizzazioni maturato dagli studenti. Allo stesso tempo sono studiate al fine di testare le capacità di interpretazione delle principali problematiche legate alle macro e micro progettazione delle organizzazioni da parte degli allievi.

La prova è tesa ad accertare:
- la conoscenza degli argomenti in programma, con particolare riferimento ai loro aspetti applicativi e metodologici;
- la capacità di applicare gli schemi logici alle diverse problematiche di progettazione organizzativa presentate;
- la profondità e l’ampiezza delle conoscenze maturate;
- la proprietà di linguaggio;
- la capacità di utilizzare le tecniche e gli strumenti oggetto del corso.
La valutazione finale, che tiene conto delle eventuali attività (svolgimento di studi di caso) effettuate durante il corso, è espressa in 30esimi.
Agli studenti che avranno svolto il caso verranno riconosciuti da 2 a 4 punti (in 30esimi) in relazione all'impegno dedicato all'approfondimento del caso.