Economia industriale (2014/2015)

Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)



Codice insegnamento
4S00509
Crediti
9
Coordinatore
Filippo Pavesi
Settore disciplinare
SECS-P/01 - ECONOMIA POLITICA
Lingua di erogazione
Italiano
L'insegnamento è organizzato come segue:
Attività Crediti Periodo Docenti Orario
lezione 7,5 primo semestre Filippo Pavesi
esercitazione [A-K] 1,5 primo semestre Angelo Zago
esercitazione [L-Z] 1,5 primo semestre Angelo Zago

Orario lezioni

Obiettivi formativi

Il corso di Economia Industriale ha come scopo l’analisi economica dell'interazione tra le imprese e i consumatori, con lo scopo di valutare la necessità di eventuali politiche volte a migliorare il funzionamento del mercato e il benessere delle collettività. In particolare vengono prese in considerazione le relazioni tra concorrenti, fornitori, clienti, consumatori, e il regolatore, facendo riferimento anche ai casi concreti. L’obiettivo principale è di formare gli studenti a una lettura critica di tali fenomeni economici e delle politiche di settore. Il corso studia le scelte delle imprese utilizzando gli strumenti della microeconomia e della teoria dei giochi. Si tratta quindi di un approccio analitico a questi problemi, con particolare attenzione alle interazioni strategiche.
La teoria dei giochi, introdotta per mezzo di esempi e casi concreti, spiega come, quando si è in presenza di un numero limitato di agenti, ognuno di essi compie le proprie decisioni tenendo conto delle strategie degli altri agenti. L’utilizzo di tale teoria in Economia Industriale - che potrebbe essere definita in alternativa “l’economia della concorrenza imperfetta” - può essere utile anche per la soluzione di problemi di strategia, di marketing, di finanza, di organizzazione. Si tratta di un corso di microeconomia applicata rivolto agli studenti dell’area aziendale, destinati a coprire ruoli manageriali ed organizzativi nelle imprese. Pertanto, la trattazione sarà motivata ed accompagnata dallo studio di casi aziendali, di settori produttivi e di politiche economiche rilevanti, come è tradizione nei dipartimenti di economia delle Business Schools.

Programma

Il programma del corso prevede la trattazione dei seguenti argomenti:
- Concetti fondamentali: fondamenti di microeconomia; struttura di mercato e potere di mercato; tecnologia e costi di produzione.
- Il potere di monopolio in teoria ed in pratica: discriminazione del prezzo e monopolio: prezzi lineari e prezzi non lineari; varietà e qualità del prodotto nel monopolio.
- Oligopolio e interazione strategica: giochi statici e concorrenza alla Cournot; la concorrenza dei prezzi (Bertrand); giochi dinamici, prima e seconda mossa.
- Strategie anticompetitive: prezzo limite e deterrenza all’entrata; comportamento predatorio: sviluppi recenti; fissazione del prezzo e giochi ripetuti; la collusione: come identificarla e contrastarla.
- Relazioni contrattuali tra imprese: fusioni orizzontali; restrizioni verticali legate al prezzo.
- Concorrenza non di prezzo: pubblicità, potere di mercato, concorrenza ed informazione; ricerca e sviluppo e brevetti.
- Le reti: questioni di rete.

Modalità d'esame

Coerentemente con i contenuti del corso, l’esame finale prevede una verifica scritta nella quale viene chiesto allo studente a) di risolvere analiticamente due o tre esercizi, b) di rispondere a 10/15 domande a risposta multipla, su temi di teoria, e c) di rispondere a uno o due “domande di attualità”, cioè di commentare criticamente fatti di attualità economica legati ai contenuti del corso.
Infine, è richiesta la preparazione di un caso studio, su un argomento a scelta dello studente, sviluppando un elaborato di circa 1.000 parole che deve essere consegnato il giorno dell’esame. Il caso studio può essere svolto da gruppi di massimo 4-6 studenti. Entro la fine di ottobre ciascun gruppo deve comunicare a me via email i nomi degli studenti che ne fanno parte. Ciascuno studente deve far parte di uno ed un solo gruppo.

Durante il corso verrà data la possibilità agli studenti di partecipare ad un gioco di simulazione di competizione tra imprese. La partecipazione alla gioco è opzionale e consente di guadagnare punti bonus ai del voto finale.

Il voto finale per il corso comprende: il voto dell'esame, un bonus per il caso studio, un bonus in base ai risultati nella simulazione d'impresa (solo per coloro che partecipano).

A partire dall’anno accademico 2013-14, è prevista una prova di accertamento intermedia, in forma scritta, sugli argomenti del programma affrontati sino a quel momento.
E’ facoltativa per lo studente, e permetterà allo studente (che lo supera) di accedere alla seconda (ed ultima) prova parziale che si terrà solo negli appelli della sessione immediatamente successiva alle lezioni (gennaio-febbraio). Le prima prova parziale coprirà gli argomenti trattati nella prima parte del corso, mentre la seconda prova parziale coprirà esclusivamente il materiale trattato dopo la prima prova parziale. Per superare l’esame coloro che svolgono le prove parziali devono superarle entrambe, il voto finale dell’esame sarà una media delle due prove.

L’esame generale comprenderà invece l’intero programma del corso.

Maggiori informazioni sui contenuti del corso, sulle modalità dell’esame e sui materiali aggiuntivi si può trovare sul sito e-learning del corso.

Testi di riferimento
Attività Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
lezione John Lipczynski, John O.S. Wison, John Goddard Economia Industriale (Edizione 4) Pearson 2017 978-88-9190-113-2 Libro di testo
lezione C. Garavaglia Economia industriale: Esercizi ed applicazioni (Edizione 1) Carocci 2011 88-430-3803-6 Esercitazioni