Economia aziendale [Cognomi A-K] (2004/2005)

Corso disattivato

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
Esercitazione 2 3 SECS-P/07-ECONOMIA AZIENDALE 2° Sem Lez Giorgio Mion
Lezione 6 SECS-P/07-ECONOMIA AZIENDALE 2° Sem Lez Angela Broglia

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire le basi metodologiche e culturali necessarie per analizzare ed interpretare le condizioni di esistenza e le manifestazioni di vita delle diverse tipologie di azienda, attesa l’unitarietà del fenomeno indagato. Attraverso la comprensione delle categorie logiche dell’Economia aziendale, l’assimilazione di un linguaggio specifico e l’apprendimento delle peculiari metodiche cognitive, il corso si prefigge di sviluppare le capacità indispensabili per analizzare la dinamica gestionale delle aziende e, in particolare, delle imprese e di procedere nelle determinazioni e nelle rilevazioni quantitative, che rendono fondamentale espressione della vita aziendale: il reddito ed il capitale di esercizio.

Programma

1. LA CONCEZIONE ISTITUZIONALE DELL'AZIENDA:
- l’attività economica in forma aziendale: i requisiti fondamentali;
- la funzione strumentale dell’azienda;
- l’elemento soggettivo e l’elemento oggettivo: i soggetti ed il patrimonio;
- il principio di vitalità economica delle aziende;
- l’impresa e le sue condizioni di autosufficienza economica.

2. LE QUANTITÀ ESPRESSIVE DELLA DINAMICA GESTIONALE:
- l’unitarietà della gestione nei suoi cicli operativo e finanziario;
- le categorie logiche e le quantità d’azienda;
- il sistema informativo aziendale e le rilevazioni contabili;
- la teorica del sistema del reddito: i presupposti e la logica;
- l’applicazione del metodo della partita doppia al sistema del reddito.

3. LE RILEVAZIONI CONTABILI DURANTE IL PERIODO AMMINISTRATIVO:
- l’analisi della dinamica gestionale riflessa nelle rilevazioni contabili;
- la logica della rilevazione delle operazioni relative al ciclo operativo;
- la logica della rilevazione delle operazioni relative al ciclo finanziario;
- la logica della rilevazione delle operazioni relative alle unità economiche particolari.

4. IL PROCESSO FORMATIVO DELLE QUANTITÀ-SINTESI DELLA DINAMICA GESTIONALE:
- il significato e la determinazione del reddito globale;
- la natura astratta del reddito di esercizio;
- la configurazione prelevabile (o da apportare) del reddito di esercizio;
- il vincolo di complementarietà tra gli elementi del capitale di esercizio;
- le quantità di derivazione numeraria e le quantità stimate nella determinazione del reddito e del capitale di esercizio;
- il processo estimativo extra-contabile delle quantità.

5. LA RILEVAZIONE DEL REDDITO E DEL CAPITALE DI ESERCIZIO:
- la funzione delle scritture di assestamento e l’utilizzo dei conti di bilancio;
- la metodologia di assestamento contabile;
- la costruzione del conto economico a “struttura logica” e dello stato patrimoniale.

6. L'INTERPRETAZIONE DEL REDDITO E DEL CAPITALE DI ESERCIZIO ATTRAVERSO LA LORO RAPPRESENTAZIONE:
- le qualità del reddito di esercizio desumibili dalla “struttura logica”: l’ipoteticità e la parziale monetarietà;
- le qualità reddito di esercizio desumibili dalla riclassificazione a “ricavi e costi operativi”: la tipicità;
- l’apprezzamento dell’equilibrio finanziario della gestione attraverso la riclassificazione dello stato patrimoniale.

Modalità d'esame

L'esame - pur nella sua unitarietà - prevede una prova scritta ed una prova orale.